Ibn Rushd (Averroè) figura rappresentativa della civiltà araba di Arch. Anwar Chadli

teologiamusulmana.pngsconosciuto ha scritto:

Ibn Rushd (Abû al-Walîd Muhammad ibn Ahmad ibn Muhammad ibn Ahmad ibn Ahmad inb Rushd) nacque nel 1126 a Cordova e morì a Marrakech il 10 dicembre 1198.
Nel XII secolo l'Andalusia faceva parte dell'impero degli Almohadi, impero che si estendeva a tutta l'Africa del Nord e durante il quale l'Occidente arabo conobbe gloria e ricchezza.


Ibn Rushd era astronomo, medico, giurista e filosofo. Figlio di giuristi, appartenente quindi ad una classe sociale elevata, vissuto nella stabilità dell'impero almohade ebbe modo di costruirsi una cultura vastissima. Durante un viaggio a Marrakech notò una stella che non si poteva vedere sotto i cieli spagnoli: Canepe. L'osservazione di questo fenomeno gli permise di intuire la rotondità della Terra. Dopo il soggiorno a Marrakech scrisse un libro intitolato "Kûlliyat". Il maestro di Ibn Rushd era Ibn Zuhr grande medico che teneva corsi non solo in Andalusia, ma anche a Salerno e a Montpellier, scuole di medicina fondate ambedue dagli arabi.
Sempre nell'ambito della medicina Ibn Rushd scrive anche dei commenti ai "Canoni" di Ibn Sînâ conosciuto in Occidente col nome di Avicenna e su Galeno, ma divenne senza dubbio famoso grazie all'opera "Kûlliyat" che fu stampata a Venezia nel 1490 prima di essere divulgata in molti paesi europei.
Durante un altro viaggio a Marrakech, Ibn Rushd conobbe Ibn Tufail, medico del Califfo Yûssûf ibn Ya'qûb e questi lo incaricò di tradurre e commentare le opere di Aristotele in quanto lui era troppo vecchio per tale mansione e le traduzioni fino allora esistenti erano troppo oscure.
Ibn Rushd accettò e s'impegnò in un lavoro che durò più di 15 anni, ma l'opera del grande filosofo greco fu quasi interamente tradotta. Alla morte del Califfo, Ibn Rushd mantenne un posto di primissimo piano come medico di corte e confidente del successore di quest'ultimo Ya'qûb detto al-Mansûr "Il Vittorioso" per la strepitosa vittoria di Alarcos del 1195 contro Alfonso VIII di Castiglia e i principi cristiani di Spagna sempre più minacciosi.
Poi improvvisamente caddè in disgrazia, il sovrano lo esiliò e i discepoli lo rinnegano. I sovrani Almohadi cercavano sempre la compagnia dei "falâsifa" (i filosofi), li stimavano e non avevano mai manifestato ostilità fanatiche nei loro confronti. Se Ibn Rushd cadde ingiustamente in disgrazia, fu probabilmente a causa di circostanze forzate.
Le sue dottrine filosofiche dovevano indisporre non poco i teologi limitati e i giuristi pedanti incapaci di interpretazione personale dei testi, ma questi esercitavano un grande ascendente sulle masse popolari e sull'esercito. Furono quindi ragioni di stato che obbligarono al-Mansûr ad allontanare Ibn Rushd anche perché la minima debolezza del sovrano sarebbe stata immediatamente sfruttata dai principi cristiani di Castiglia e León.
Ritornata la calma al-Mansûr riabilitò Ibn Rushd che ritorno a Marrakech dove mori il 10 dicembre all'età di 72 anni. Le spoglie furono trasferite nella sua città natale Cordova.
Ibn Rushd non si occupò solo di medicina o dei commenti all'opera di Aristotele scrisse anche molti libri di filosofia. In particolare ricordiamo un trattato sulla non contraddizione tra filosofia e religione che lo pone al vertice della riflessione filosofica del suo tempo e non solo.
Ibn Rushd sosteneva che i testi sacri sono legittimamente interpretati in modo diverso dal filosofo dal teologo o dal profano. La "verità" può quindi essere interpretata in modo diverso secondo la formazione intellettuale dell'individuo. Questo approccio critico poteva suscitare le reazioni di molti, era in un certo senso " rivoluzionario " e lo sarebbe ancora oggi.
Se i Musulmani che vennero dopo di lui non approfittarono dei suoi insegnamenti e ebbero verso le sue opere un approccio superficiale ( molte erano diffuse in latino ed ebraico), non fu così per i Cristiani e gli Ebrei dai quali fu considerato una personalità ineguagliabile.
Le sue dottrine verranno insegnate in Europa fino al XVIII secolo, in particolare il trattato del De anima nella traduzione in latino di Micael Scott del 1230 e ciò nonostante le condanne dell'Inquisizione e del Concilio di Trento che consideravano eretiche e blasfeme le teorie di Averroè, anche se l'averroismo professato in Europa è solo un pallido riflesso della sua cosmologia.
Molti filosofi e teologi europei devono molto a Ibn Rushd, tra questi citiamo i più conosciuti: San Tomaso d'Aquino, Bacone, Spinoza, Leibnitz.

fonte: www.arab.it

Pubblicato Domenica 17 Giugno 2012 - 06:52 (letto 2316 volte)
Comment Commenti? Print Stampa



Le ultime notizie relative a questo argomento

Read La Festa del Sacrificio: ìd al-a dhá - Sherif El Sebaie (03/08/2020 - 06:59) letto 1 volte
Read USA elogiano sforzi del Grande Imam nella lotta all'estremismo - Osservatorio di Al-Azhar per il Contrasto all'Estremismo (28/06/2020 - 06:57) letto 76 volte
Read Sessualità e diritto islamico: i matrimoni interreligiosi - Rosanna Maryam Sirignano (25/06/2020 - 06:38) letto 93 volte
Read Le fatawa come arma contro il fanatismo - Ridwan Al-Sayyid (11/06/2020 - 06:44) letto 178 volte
Read La sharì'a non vuole bambini soldato - Chiara Pellegrino (06/06/2020 - 06:50) letto 171 volte
Read A Dakar, l'Islam riformista sfida l'Islam sufi - Ahmadou Makhtar Kantè (04/05/2020 - 06:54) letto 258 volte
Read Il Corano contraddice se stesso? - Michel Cuypers (04/05/2020 - 06:51) letto 262 volte
Read L'imam 'Abd al-Halim Mahmud e Renè Guènon - Abd al-Wadoud Gouraud (02/05/2020 - 07:33) letto 247 volte
Read La solidarietà e il risveglio della coscienza umana - Principe El Hassan Bin Talal di Giordania (08/04/2020 - 07:05) letto 317 volte
Read I Fratelli musulmani e al-Azhar: uno scontro aperto - Dominique Avon (31/03/2020 - 07:31) letto 320 volte
Read La riforma dei manuali di al-Azhar: una questione politica - Ahmad Wagih (16/03/2020 - 06:43) letto 360 volte
Read Il conflitto tra ragione moderna e ragione teologica - Michele Brignone (21/01/2020 - 07:30) letto 501 volte
Read I musulmani e il libero arbitrio - Maria De Cillis (17/01/2020 - 07:29) letto 507 volte
Read Sessualità e diritto islamico: l'omosessualità nelle fonti - Rosanna Maryam Sirignano (30/12/2019 - 06:55) letto 553 volte
Read Alleanza delle Virtù. Nuovo documento interreligioso - CO.RE.IS. (24/12/2019 - 08:00) letto 532 volte
Read Il Presepe e le festività cattoliche in italia - Ibrahim G. Iungo (18/12/2019 - 06:50) letto 501 volte
Read Gli auguri di Natale tra le polemiche e la cordialità reciproca - Amir Fallaha (18/12/2019 - 06:48) letto 602 volte
Read Il Salafismo o la ricerca della purezza - Joas Wagemakers (16/12/2019 - 06:54) letto 559 volte
Read Leggere il Corano nel XXI secolo - Abdullah Saeed (16/12/2019 - 06:52) letto 604 volte
Read Diritti di Dio vs diritti dell'uomo: l'Islam in tensione - Omero Marongiu-Perria (09/12/2019 - 06:44) letto 628 volte
Read Quel tempo sospeso in attesa dell'Imam - Yann Richard (29/11/2019 - 07:18) letto 576 volte
Read Donne in cerca del vero Islam - Chiara Pellegrino (28/11/2019 - 06:30) letto 667 volte
Read Alla ricerca del sesso nascosto - Ignazio de Francesco (26/11/2019 - 06:34) letto 640 volte
Read Gli angeli nell'Islam: multiculturalità e dialogo interreligioso a Eboli - Marco Naponiello (23/11/2019 - 07:45) letto 576 volte
Read Il primo Forum del Pensiero Islamico Europeo a Palermo - COREIS (22/11/2019 - 06:38) letto 618 volte
Read Percorsi del femminile nella tradizione musulmana - Ida Zilio-Grandi (21/11/2019 - 06:33) letto 665 volte
Read L'università che vuol formare un esercito di predicatori - Michele Brignone (22/10/2019 - 06:40) letto 677 volte
Read Il Corano che i maschilisti ti nasconderanno - Amir Fallaha (13/10/2019 - 07:17) letto 724 volte
Read Formare teste, non gendarmi - Michele Brignone (24/09/2019 - 06:28) letto 777 volte
Read Fede e libertà - Il conflitto delle interpretazioni - Ida Zilio-Grandi (21/09/2019 - 06:47) letto 759 volte
Read Peccato e misericordia nel Corano - Redazione Confronti.net (13/09/2019 - 07:38) letto 712 volte
Read Il Corano va interpretato. La testimonianza di Valeria Khadija Collina - Leone Grotti (10/09/2019 - 07:32) letto 806 volte
Read Il compito della critica o il ritorno del rimosso - Mohammad Abed al-Jabri (02/09/2019 - 06:59) letto 777 volte

Tutte le notizie relative a questo argomento
teologiamusulmana.png