Tunisia libera e democratica, islam contro l’odio e la violenza - Amina Donatella Salina

societacostume.pngsconosciuto ha scritto:

C’è un solo soggetto politico che potrà portare il popolo tunisino alla pace alla libertà ed alla democrazia e si chiama Ennahdha.
Esso non solo perché ne rappresenta l’anima ospitale, tollerante e religiosa; non solo per lo zoccolo culturale etico e morale; non solo per il retaggio sofferto per aver sempre gridato alle libertà civili e umane e religiose, ma perché parla di concordia mentre tutti gli altri si lanciano solo accuse reciproche per il fallimento della Costituente...

Verissimo si respira una brutta aria e qualcuno soffia su povertà e disoccupazione, sulla mancanza di investimenti e sulla stagnazione economica, che sono i frutti del passato regime e delle difficoltà a costruire una vera democrazia.
La Francia lo sa benissimo e sta giocando tutte le sue carte per far fallire il progetto politico di questo partito, per spezzare la coesione nazionale, fomentare odio e disordini e favorire i suoi vecchi amici nella speranza di un colpo di stato.
Il brutale assassinio del coordinatore dell’opposizione Chokri Belaid, un uomo politico stimato anche dagli avversari, ha messo in crisi proprio quel progetto di coesione nazionale su cui contava Ennahdha per costruire, certamente non da sola, la nuova Tunisia libera democratica ed islamica, ma con un governo dove ci sarebbe molto spazio per le altre confessioni religiose e per i laici come da sempre ha sostenuto.
Come e’ giusto che sia.
Lungi dal favorire il Governo, ed infatti i mandanti sono ben altri, l’assassinio rischia di far saltare tutto, facendo sprofondare il paese nel caos e nel disordine e favorendo il ritorno degli antichi padroni, della dittatura concussa con l’occidente, al quale non interessava che i tunisini fossero senza diritti civili ed umani.
O comunque favorire una via di uscita non democratica alla crisi.
Per inesperienza e per una oggettiva difficoltà di controllo della situazione Ennahdha non è riuscita ad imporre il controllo della situazione inerente l’ordine pubblico in modo da scoraggiare sia la delinquenza comune sia le mafie ereditate dal vecchio regime sia gli estremisti dal danneggiare un paese fragile e povero.
Ma questa non è una colpa semmai una mancanza dovuta all’eredità difficilissima che ha avuto, e inesistente sostegno dell’opposizione che palesemente non ha a cuore la sorte dei tunisini, ma solo la sua vittoria politica.
Avidità politica come sempre contro gli interessi sani del paese.
Come succede in Egitto, stesso scenario. Anche l’opposizione ha la sua grandissima parte di responsabilità evidente, poiché non si è mai lasciata sfuggire l’ occasione per seminare il disordine e la divisione nel paese.
A causa della non collaborazione dell’opposizione, ecco che si è dissolta l’ Assemblea Nazionale Costituente organismo democraticamente eletto da tutto il popolo tunisino ed è in atto un rimpasto governativo. Complimenti all’opposizione viziata ed arrogante.
Come In Egitto l’impressione che si ha e quella che questi paesi restano in balia delle pressioni esterne, che ancora meno il bene della popolazione hanno in mente, e soprattutto la Francia contro agli islamisti per suoi interessi politici e commerciali.
Probabilmente si arriverà a nuovi equilibri politici, ma prescindere dalla volontà popolare e segno che da queste parti democrazia fa ancora rima con neocolonialismo e servitù dei popoli al volere dell Occidente imperialista.
Non a caso leaders europei hanno appoggiato Ben Ali dittatore ed assassino, fino all’ultimo, soprattutto i progressisti, non meno dei conservatori.
Di fatto i popoli islamici non sono liberi di scegliere il loro Governo e per loro la democrazia funziona solo quando e costruita dagli amici dell Occidente.Che vergognosa colpa hanno poi le ignoranze degli stessi tunisini che esultano a braccetto dei loro colonizzatori.
I nemici della libertà non sono certo gli islamisti, ed i fatti lo dimostrano e lo dimostreranno in futuro, che la campagna di odio lanciata dai media occidentali contro i partiti islamisti del mondo arabo e del mondo intero rappresenta solo una mirata e sporca diffamazione, una menzogna, e rappresenta una grande ingiustizia.
E’ solo l’ennesimo plagio mediatico.
I fratelli e le sorelle di Ennahdha solo per aver preso la maggioranza relativa dei voti all ‘Assemblea Costituente sono stati accusati dell’assassinio del leader dell’opposizione e di voler islamizzare a forza il paese in un crescendo di violenze e di accuse ingiustificate, fino a che il governo non è stato sostituito con una maggioranza di tecnocrati che non faranno certo gli interessi del popolo tunisino.
Sempre, e come al solito, si stigmatizza contro la morale, contro l’etica, contro la religione e non si capisce l’errore ed il male che ritorna per questo sbaglio. Quando è uno sbaglio… ben peggio quando è solo uno sporco gioco politico.
Gli Esponenti di Ennahdha hanno accettato una costituzione laica, una legge secolare, uno stato liberale e democratico offrendo la massima libertà di espressione, di stampa e persino di ricerca scientifica dopo 40 anni di terrore.
La speranza di chiunque crede veramente in una prospettiva democratica in Tunisia e la riconquista della concordia nazionale importantissima anche dal punto di vista religioso è SOLO il partito di Ennadha.
La fede islamica condanna severamente qualsiasi forma di violenza e sopruso, tanto più se a commetterlo sono membri della classe dirigente della polizia o dell’esercito. L ‘assassinio di un essere umano e un crimine orribile superiore alla distruzione della Casa di Allah alla Kaaba a Mecca. Chi uccide un uomo è come se uccidesse tutta l’umanità.
Il seguente comunicato è stato emesso l’ 8 febbraio scorso per offrire le condoglianze alla famiglia dell’uomo politico assassinato, la traduzione è stata resa pubblica da Osama al Saghir deputato di Ennahdha alla Costituente e si trova sulla sua pagina di FB. Ennahdha condanna fermamente questo crimine atroce mirato al Sig. Belaid, e inoltre mirato alla sicurezza e stabilità del paese. Offre le sue sincere condoglianze alla famiglia del Sig. Belaid, al suo partito il Fronte Popolare e alla classe politica.
Ritiene completamente responsabili le parti cospiratrici che stanno dietro a questo crimine e fa un appello alle autorità di sicurezza affinché compiano ogni sforzo possibile per svelare i criminali, portarli alla giustizia e informare la pubblica opinione sulla loro identità ed i loro obiettivi. Fa un appello a tutti verso la solidarietà, l’unità e la vigilanza, e di prendere posizione contro i piani di coloro che cercano di minare la pace sociale e di trascinare il paese nella violenza.



Pubblicato Martedi 19 Novembre 2013 - 06:28 (letto 1903 volte)
Comment Commenti? Print Stampa



Le ultime notizie relative a questo argomento

Read Algeria, il Covid-19 blocca il dissenso - Africarivista.it (29/06/2020 - 07:09) letto 19 volte
Read Cristiani perseguitati nel mondo? No, anche atei e umanisti - Vincenzo Giardina (28/06/2020 - 06:58) letto 17 volte
Read Dove seppelliamo i nostri morti? - Bianca Maria Pezzini (24/06/2020 - 06:33) letto 31 volte
Read Pakistan, un'altra 14enne cristiana costretta a sposare il suo rapitore (21/05/2020 - 06:51) letto 169 volte
Read Le tappe. Riscatto e conversione, ecco i retroscena della vicenda Silvia Romano - Riccardo Redaelli (16/05/2020 - 07:03) letto 156 volte
Read Somalia | Al-Shabaab, i carcerieri di Silvia - Africarivista.it (12/05/2020 - 07:27) letto 159 volte
Read Perché l'intesa fra Viminale e confessioni religiose è storica - Riccardo Cristiano (07/05/2020 - 07:01) letto 174 volte
Read Sura del Corona - blogger tunisina in tribunale per aver pubblicato messaggi satirici su Islam e Covid-19 - Agenzia Nova (07/05/2020 - 06:59) letto 178 volte
Read Sudan, le mutilazioni genitali femminili diventano reato - Vincenzo Giardina (02/05/2020 - 07:34) letto 171 volte
Read Siamo in cura, non in guerra - Guido Dotti (25/04/2020 - 07:10) letto 193 volte
Read ISPI - Istituto per gli studi di politica internazionale - Alessandro Contaldo (19/04/2020 - 12:08) letto 216 volte
Read Castelfranco Emilia - L'Associazione Culturale Islamica e il suo grande impegno per la comunità - Laura Solieri (07/04/2020 - 06:51) letto 215 volte
Read La comunità marocchina ospita gli italiani che non possono ripartire - Redazione Dailymuslim.it (15/03/2020 - 06:58) letto 320 volte
Read Sahelistan | L'alleanza al-Qaeda/Isis e il crescente rischio fame - Angelo Ravasi (02/03/2020 - 07:06) letto 339 volte
Read Sotto la legge del maschio pakistano - Riccardo Bottazzo (29/02/2020 - 06:56) letto 332 volte
Read Terrorismo. Bertolotti: Isis ancora attrattivo. Ora è un fenomeno sociale, ideologico più che religioso - Daniele Rocchi (26/02/2020 - 07:14) letto 378 volte
Read Egitto: conferenza ambasciata Italia su libertà religiosa e di credo - Redazione Agensir (21/02/2020 - 06:51) letto 383 volte
Read Africa, cresce il terrorismo - Marco Cochi (05/02/2020 - 06:43) letto 450 volte
Read Tre persone accoltellate a Londra. L'attentatore era stato condannato per terrorismo - Redazione Agi.it (04/02/2020 - 07:22) letto 429 volte
Read La farsa dell'Accordo del Secolo - Alberto Stabile (31/01/2020 - 06:54) letto 411 volte
Read Piano Trump, una narrativa parziale - Giorgio Bernardelli (30/01/2020 - 07:02) letto 409 volte
Read Turchia, Erdogan rilancia il matrimonio riparatore. Scoppia la protesta delle donne in piazza - Marco Ansaldo (25/01/2020 - 07:14) letto 435 volte
Read 'Il mercante di Venezia' è l'opera di uno Shakespeare antisemita? - Francesco Lamendola (22/01/2020 - 07:55) letto 465 volte
Read Germania, spari contro l'ufficio di un deputato senegalese della Spd. Nella stessa città, a ottobre, due morti in attacco contro sinagoga - Alessandro Ricci (17/01/2020 - 07:27) letto 409 volte
Read Incontro del presidente UCOII con il ministro dell'Interno Lamorgese - Ufficio Stampa UCOII (12/01/2020 - 08:07) letto 425 volte
Read Trasformati in arena per regolare conti. L'Iraq sotto shock chiede pace - Raphael Sako (06/01/2020 - 07:13) letto 430 volte
Read Il ruolo della donna araba: ieri regina, oggi serva - Lyas Laamari (28/12/2019 - 07:10) letto 507 volte
Read USA: I suprematisti bianchi hanno fatto il triplo delle vittime degli jihadisti - Francesca Mammocchi (24/12/2019 - 07:48) letto 515 volte
Read Le proteste in Iraq: uniti contro il settarismo (e contro Teheran) - Lorena Stella Martini (23/12/2019 - 06:47) letto 493 volte
Read Supercoppa in Arabia Saudita, la vedova di Jamal Khashoggi mette in guardia dal rischio sportwashing - Tiziana Ciavardini (22/12/2019 - 07:06) letto 480 volte
Read Attivisti pakistani: Basta conversioni forzate, il governo agisca - Shafique Khokhar (21/12/2019 - 07:17) letto 551 volte
Read L'antidoto ai sermoni jihadisti - Daniele Raineri (17/12/2019 - 06:39) letto 542 volte
Read Sabah, da quest'anno la Vigilia di Natale è festa pubblica - AsiaNews (14/12/2019 - 07:05) letto 557 volte

Tutte le notizie relative a questo argomento
societacostume.png