Francesco incoraggia i cattolici scandinavi - Chiara Santomiero

teologiacristiana.pngsconosciuto ha scritto:

L'impegno delle diocesi cattoliche del nord Europa per la tutela degli immigrati contro i rigurgiti xenofobi dell'estrema destra.
In Svezia 3 attentati contro le moschee...

Papa Francesco all’Angelus del primo gennaio, guardando la piazza gremita di folla, ha mandato un saluto ai cattolici della Scandinavia. Un gruppo di loro erano in piazza con uno striscione. E’ stato un saluto assai apprezzato dalla piccola comunità cattolica dei Paesi all’estremo nord dell’Europa. La Conferenza episcopale scandinava, sette vescovi in tutto, raccoglie Svezia, Danimarca, Norvegia, Islanda e Finlandia per un totale di circa 270 mila cattolici in Paesi dove la maggioranza dei cristiani sono protestanti.

I cattolici rappresentano l’1 per cento della popolazione. Ma dalla metà degli anni Ottanta i cattolici sono in aumento a causa dell’immigrazione che viene soprattutto dal Medio Oriente. Negli ultimi anni gli arrivi sono stati sempre più consistenti. Al punto che nella periferia di Stoccolma, capitale della Svezia, ogni domenica si celebrano nelle chiese cattoliche messe in diversi riti: melchita, maronita, caldeo cattolico, armeno cattolico e siriaco cattolico. Addirittura alcuni preti svedesi sono stati ordinati secondo questi riti in Libano. L’immigrazione, tuttavia, sta provocando problemi anche nelle tolleranti società dell’estremo nord europeo, di solito conosciute per la loro accoglienza verso chi arriva da fuori. Le diocesi cattoliche di questi Paesi sono impegnate sul fronte dell’integrazione e della solidarietà, ma negli ultimi mesi sono sempre più criticate dei movimenti di estrema destra razzisti che ritengono spropositato l’aiuto che si dà agli immigrati. Per questo motivo il saluto di Papa Francesco agli “scandinavi” riveste ancor più importanza. E’ un incoraggiamento al loro lavoro.

Nella tollerante Svezia negli ultimi otto giorni vi sono stati ben tre attentati ad altrettante moschee. L’ultimo alla fine dell’anno alla moschea di Uppsala, città universitaria alle porte di Stoccolma, con una bomba incendiaria accompagnata da scritte razziste e ingiuriose verso l’Islam sui muri della moschea. Il giorno di Natale cinque persone sono rimaste ferite in un altro attentato incendiario alla moschea di Eskilstuna, nel centro della Svezia e tre giorni prima una bomba era scoppiata sulla porta della moschea di Eslov nel sud. Il portavoce della polizia di Uppsala ha esplicitamente denunciato il carattere “criminale, razzista e che incita all’odio” degli attentati (Agenzia France Presse, 1 gennaio). Si tratta di una escalation preoccupante. Nel 2014 sono stati oltre una decina di attacchi a moschee in Svezia. Il primo ministro Stefan Lofven ha condannato gli episodi: “Non tollereremo questo crimini. Le persone che vogliono praticare la propria religione devono avere il diritto di farlo” (The Guardian 26 dicembre 2014). Intervistato dalla radio pubblica Sr il leader dell’associazione dei musulmani svedesi Omar Mustafa ha confermato che “l’odio per gli stranieri è in aumento”, ricordando che scritte razziste e croci uncinate naziste sono apparse su diverse moschee del Paese.

La Chiesa cattolica è preoccupata dell’aumento di consenso al partito dei democratici svedesi (estrema destra) e ai movimenti populisti di matrice razzista. I democratici di Svezia alle ultime elezioni legislative svedesi a settembre sono diventati da terza forza politica del Paese e ormai la coalizione tra socialdemocratici e verdi traballa sotto le spinte nazionaliste, al punto che per il 10 gennaio sono già state annunciate elezioni politiche anticipate, le prime dal 1958. Sotto accusa da parte dell’estrema destra c’è proprio la politica di accoglienza degli immigrati, che è ritenuta troppo generosa. Così le elezioni rischiano di trasformarsi in un referendum pro o contro l’immigrazione. Anche i sondaggi preoccupano poiché quasi la metà della popolazione è contraria alle politiche del governo ed è pronta a punire la coalizione a causa del badget molto ampio destinato all’accoglienza degli immigrati soprattutto dal Medio Oriente. La Conferenza episcopale cattolica invece sostiene che i Paesi scandinavi devono fare ancora di più perché “possono permetterselo”.

I vescovi criticano anche la decisione di alcuni Paesi scandinavi di rimpatriare i profughi iracheni e chiedono che a loro sia concesso l’asilo permanente: “Chiediamo ai governi e ai popoli dei nostri Paesi la generosità di permettere alle persone di restare dove possono trovare sicurezza e di accogliere i rifugiati” (Agenzia Sir 17 settembre 2014). Ora anche un piccolo, breve, ma intenso e caloroso saluto di Papa Francesco li rafforza nella loro azione di solidarietà e può fare la differenza, vista l’autorevolezza globale di Bergoglio, nel consenso al populismo razzista sempre più diffuso e confermato in Svezia dagli attentati alle moschee.



Pubblicato Venerdi 09 Gennaio 2015 - 09:34 (letto 1931 volte)
Comment Commenti? Print Stampa



Le ultime notizie relative a questo argomento

Read Quando don Maggioni ci diceva: L'universalità è nel Dna del cristiano - Bruno Maggioni (31/10/2020 - 06:48) letto 80 volte
Read Papa: le donne debbono contare di più nella Chiesa, anche quando si prendono decisioni - AsiaNews (03/10/2020 - 07:03) letto 109 volte
Read Fratelli tutti: l'Enciclica che manda in soffitta lo scontro di civiltà - Giulio Boldrin (11/09/2020 - 06:54) letto 137 volte
Read Se non cambia con la vita, la liturgia diventa un teatrino - Marinella Perroni (23/04/2020 - 07:06) letto 427 volte
Read Per fondare e nutrire l'identità cristiana - Romano Penna (28/01/2020 - 06:54) letto 600 volte
Read Una giornata per imparare a leggere la Bibbia - Filippo Rizzi (27/01/2020 - 06:58) letto 602 volte
Read Il Papa: impariamo ad essere più ospitali, tra cristiani e tra diverse confessioni - Salvatore Cernuzio (27/01/2020 - 06:57) letto 628 volte
Read Chiesa cattolica e musulmani in Italia. Esperienze e prospettive - Andrea Pacini (14/12/2018 - 07:39) letto 1491 volte
Read Papa Francesco: la teologia si fa «in ginocchio», non dimenticando il fiuto della fede - Redazione Avvenire (01/01/2018 - 07:37) letto 1982 volte
Read Morto padre Maurice Borrmans, uomo del dialogo - Lorenzo Fazzini (30/12/2017 - 17:36) letto 1952 volte
Read I "cristiani del campanile" e quelli del vangelo - Enzo Bianchi (29/12/2017 - 07:05) letto 2093 volte
Read Bardonecchia. Cattolici e protestanti insieme per i profughi a piedi sulle Alpi - Nello Scavo (28/12/2017 - 07:06) letto 1961 volte
Read Un papa venuto a capovolgere il capovolto - Riccardo Cristiano (26/12/2017 - 06:37) letto 1967 volte
Read Il Papa: "Per i migranti non solo buone leggi ma vicinanza umana" - Salvatore Cernuzio (10/12/2017 - 08:58) letto 1999 volte
Read Papa Francesco: «Chiedo perdono ai Rohingya, oggi Dio si chiama anche così» - Mimmo Muolo (02/12/2017 - 06:50) letto 1906 volte
Read Il Primate cattolico polacco: «Sospenderà a divinis i preti anti-immigrati» - Redazione Famiglia Cristiana (21/10/2017 - 07:18) letto 1852 volte
Read Polonia, il muro spirituale contro l'islam non piace al Papa - Alberto Bobbio (13/10/2017 - 07:03) letto 1837 volte
Read "I migranti? Dei cani". Tra i cattolici tradizionalisti che contestano il Papa - Redazione Piazzapulita (11/10/2017 - 06:54) letto 2026 volte
Read Migranti, papa Francesco critica i cattolici razzisti - Alberto Bobbio (25/09/2017 - 06:30) letto 2105 volte
Read Bergoglio cambia la dottrina della chiesa sulla guerra - Pierre Haski (11/09/2017 - 07:10) letto 2049 volte
Read Papa Francesco: "importante che cattolici ed ebrei affermino che le religioni non devono utilizzare guerra e coercizione" - Agensir.it (02/09/2017 - 07:42) letto 1915 volte
Read C'è una tendenza fondamentalista molto pericolosa in tempi in cui la religione è usata come strumento di violenza. Anche in America Latina - Alver Metalli (31/08/2017 - 13:46) letto 1833 volte
Read Papa, prego per Rohingya perseguitati - Ansa.it (30/08/2017 - 06:56) letto 1864 volte
Read I fedeli applaudono il loro prete e urlano: "Fuori i fascisti" - Pino Pignatta (29/08/2017 - 07:36) letto 2281 volte
Read In Barcellona Raimondo Lullo è antidoto al terrorismo - Redazione Assisiofm.it (28/08/2017 - 07:20) letto 1817 volte
Read Il Papa: «Che tristezza quei cattolici che si sentono perfetti e disprezzano gli altri» - Antonio Sanfrancesco (14/08/2017 - 17:59) letto 1933 volte
Read Il decalogo del dialogo di Brunetto Salvarani - Pietro Piro (09/07/2017 - 06:54) letto 1656 volte
Read Bergoglio chiude l'epoca di Ratisbona e apre quella del "popolo" - Riccardo Cristiano (30/04/2017 - 06:33) letto 2025 volte
Read Papa agli egiziani: "Vengo come messaggero di pace" - Redazione Zenit.it (28/04/2017 - 07:52) letto 1814 volte
Read Strage copti in Egitto, vedova perdona gli assassini, la reazione del giornalista musulmano - Clara Latosti (26/04/2017 - 06:59) letto 2107 volte
Read Papa. «I campi per i rifugiati non siano campi di concentramento» - Avverire (25/04/2017 - 07:07) letto 1943 volte
Read Bergoglio, i martiri e il voto francese - Riccardo Cristiano (25/04/2017 - 07:05) letto 2048 volte
Read Papa Francesco in Egitto, un logo per la pace - Andrea Gagliarducci (04/04/2017 - 06:25) letto 1850 volte

Tutte le notizie relative a questo argomento
teologiacristiana.png