L’attacco alla Siria è (anche) un pericolo per la società civile iraniana - Anna Vanzan

societacostume.pngsconosciuto ha scritto:

Nonostante attorno ai suoi confini spirino venti di guerra, l’Iran sembra vivere un momento di grande speranze, dovute al new deal che si sta delineando in queste ultime settimane, ovvero da quando Hassan Rouhani è divenuto ufficialmente Presidente della Repubblica Islamica...

I primi tangibili segni del cambiamento sono costituiti dal neo governo proposto da Rouhani, peraltro accettato dal Parlamento, il quale, ratificando quasi tutte le scelte presidenziali (15 su 18), ha dimostrando il proprio appoggio al neo Presidente (mentre era ai ferri corti con il suo predecessore Ahmadinejad).
Nel nuovo gabinetto spicca il profilo del Ministro per la Cultura, Ali Jannati, che ha esordito riunendo le principali associazioni artistiche e culturali del Paese alle quali, dopo aver criticato l’eccessiva ingerenza della censura esercitata sotto i suoi predecessori, ha dichiarato di voler intraprendere misure in aiuto agli editori, quali un alleggerimento della censura stessa. Conseguentemente, è stata annunciata la riapertura di alcuni giornali riformisti costretti a chiudere durante l’era Ahmadinejad, nonché il cambio di direzione di alcune testate che costituivano i portavoce della precedente amministrazione.
E’ altresì stato avvicendato il direttore dell’Ufficio Cinema nazionale, cui è stato apposto Hojjatollah Ayyubi, un manager di provate esperienze in ambito culturale il cui compito sarà quello di rivitalizzare l’industria cinematografica sofferente per l’aggravamento della censura patito in questi ultimi anni; la sua nomina è già stata accolta con favore da molte associazioni di artisti.

Nel nuovo governo siede, tra l’altro, una vice presidente donna, Elham Aminzade, una scelta che conferma come Rouhani si ponga quale nuovo Khatami (il famoso Presidente riformista che, tra l’altro, aveva per primo nella storia del Paese, scelto una donna, l’ambientalista Mahsoumeh Ebtekar, come sua vice).
Se questa può essere letta quale scelta di comodo onde compiacere l’elettorato femminile, certo l’incarico dato ad una altra donna, Marzieh Afkham, nuova portavoce del Ministro degli Esteri, non è solo di decoro. Prima donna d’Iran a rappresentare un Ministero dinnanzi ai media internazionali, la 48nne Afkam, che proviene dalla diplomazia, ha accettato il mandato in un momento delicatissimo, stretto tra un possibile attacco missilistico americano contro la Siria e gli estenuanti negoziati sul programma nucleare iraniano.
Certo le decisioni sono in mano al Ministro, Mohammad Javad Zarif, che in questi giorni sta dando prova di consumata abilità diplomatica esprimendo, a un tempo, ferma condanna per l’uso delle armi chimiche in Siria, preoccupazione per un intervento bellico che provocherebbe ulteriori sofferenze alla popolazione siriana, ma anche biasimo nei confronti di Washington che si erge a paladino dei siriani vittime di armi chimiche, quando ai tempi dell’attacco iracheno nei confronti dell’Iran ha sostenuto l’allora alleato Saddam Hussein facente uso delle stesse armi letali contro gli iraniani.
Il fatto poi che il neo ministro affidi queste considerazioni alla sua pagina Facebook (mentre lo stesso Rouhani continua a twittare dichiarazioni tramite l’omonimo social network), fa capire come nella politica iraniana si respiri una nuova aria.

Certo non ci si deve illudere che tutto ciò sia foriero di cambiamenti epocali in breve termine, ma di certo ci si deve chiedere che cosa comporterebbe un attacco alla Siria (al momento unico alleato dell’Iran nell’area) anche nei confronti della società civile iraniana e delle nuove speranze lì nutrite.
L’arrivo di Rouhani e della nuova amministrazione ha fatto subito sperare in un nuovo corso nei rapporti tra Iran e Stati Uniti, ma un attacco americano alla Siria annienterebbe ogni possibilità di dialogo.
Nonostante le apparenze, Stati Uniti e Iran hanno già collaborato per risolvere una crisi, quella afghana, con conseguente caduta del regime dei Taleban. Tale collaborazione potrebbe essere riproposta nel caso siriano.
Gli Stati Uniti si devono quindi chiedere se hanno già esplorato tutte le possibilità diplomatiche prima di arrivare all’attacco bellico contro Damasco, azione che avrebbe ripercussioni catastrofiche anche sul destino dell’Iran e su quello del mondo intero.

da Giornale di Brescia 9/9/2013


Pubblicato Venerdi 27 Settembre 2013 - 06:58 (letto 2165 volte)
Comment Commenti? Print Stampa



Le ultime notizie relative a questo argomento

Read Cile: bruciate due chiese a Santiago, violenze e saccheggi - SIR (22/10/2020 - 06:43) letto 0 volte
Read Quando l'amore supera le barriere delle differenze religiose - Marina Tomarro (15/10/2020 - 06:31) letto 10 volte
Read Terrorismo: i legami tra flussi migratori e jihadisti (07/10/2020 - 06:26) letto 43 volte
Read Famiglie invisibili a cavallo tra due mondi - Chiara Zappa (05/10/2020 - 06:47) letto 29 volte
Read Immigrati e religioni in italia - Comunicato stampa (03/10/2020 - 07:09) letto 31 volte
Read I Ros vanno ad arrestare una jihadista italiana in Siria, lei è felicissima - Daniele Raineri (02/10/2020 - 06:39) letto 43 volte
Read Omar, in carcere a 13 anni per blasfemia. Una lettera da Auschwitz cerca di salvarlo - Viviana Mazza (01/10/2020 - 06:41) letto 44 volte
Read A Malo il primo sindaco islamico del Vicentino - Ilgiornaledivicenza.it (26/09/2020 - 07:11) letto 54 volte
Read Se la spinta alla normalizzazione con Israele arriva dalla Mecca - Chiara Pellegrino (24/09/2020 - 06:40) letto 52 volte
Read La sorte degli uiguri è cruciale per i rapporti tra Cina e occidente - Pierre Haski (21/09/2020 - 06:30) letto 86 volte
Read Crescono i residenti stranieri di fede cristiana: sono il 54% - Redazione Avvenire.it (21/09/2020 - 06:27) letto 57 volte
Read Svezia, cresce l'intolleranza religiosa - Sarah Numico (19/09/2020 - 06:41) letto 89 volte
Read Certificato di verginità: finora viene richiesto da famiglie musulmane - VideodromeMedia (19/09/2020 - 06:34) letto 57 volte
Read Regionali in Veneto, insulti razzisti alla candidata italo-algerina - Zita Dazzi (17/09/2020 - 06:32) letto 70 volte
Read Galassia jihadista in Sahel - Lorenzo Forlani (15/09/2020 - 06:48) letto 56 volte
Read In Kuwait otto donne diventano giudici della Corte Suprema - Redazione Avvenire (09/09/2020 - 06:56) letto 97 volte
Read Neve Shalom, chi vuol bruciare la scuola della pace? - Giorgio Bernardelli (08/09/2020 - 07:06) letto 51 volte
Read Vittoria delle donne afghane: il loro nome sarà sulle carte d'identità nazionali - Redazione 105.net (08/09/2020 - 07:04) letto 88 volte
Read Tragedia di Massa: Malak, e la sorella Jannat, uccise da un albero - Carlotta Rocci (01/09/2020 - 07:25) letto 149 volte
Read Islamofobia in Europa e in Italia - Michele Lipori (27/08/2020 - 07:16) letto 143 volte
Read Mozambico: l'esercito lancia l'offensiva contro i jihadisti - Agenzia Nova (14/08/2020 - 06:58) letto 162 volte
Read Sako e il premier Al-Kazemi: sanare le ferite dei cristiani di Ninive - Lisa Zengarini e Andrea De Angelis (14/08/2020 - 06:57) letto 138 volte
Read Se t'importa dei diritti delle donne, quindi anche delle musulmane, smettila di essere islamofobo - Zad El Bacha (06/08/2020 - 07:24) letto 136 volte
Read Padre Kizito | Il cibo non ha religione - Africarivista.it (05/08/2020 - 07:04) letto 146 volte
Read Camerun, attacco attribuito a Boko Haram - Africarivista.it (05/08/2020 - 06:59) letto 148 volte
Read Il rischio di recidiva degli ex detenuti jihadisti europei - Osservatorioreact.it (03/08/2020 - 07:01) letto 140 volte
Read Tunisia| Condannata blogger per parodia del Corano - France 24 (18/07/2020 - 06:58) letto 184 volte
Read Egitto: il laboratorio repressivo del Medio Oriente - Enrico Campofreda (16/07/2020 - 07:06) letto 204 volte
Read Egitto: tribunale dispone l'uguaglianza di genere per i cristiani nell'eredità - Agenzia Nova (16/07/2020 - 07:02) letto 229 volte
Read Perché Hagia Sophia dovrebbe essere di tutti - Ugo Tramballi (16/07/2020 - 07:00) letto 164 volte
Read Sudan, una nuova stagione di diritti - Africarivista.it (15/07/2020 - 06:34) letto 149 volte
Read Wcc scrive a Erdogan: Presidente ci ripensi - Agensir.it (13/07/2020 - 06:51) letto 213 volte
Read Arabi ed ebrei periferici accomunati dal coronavirus - Giorgio Bernardelli (12/07/2020 - 06:56) letto 195 volte

Tutte le notizie relative a questo argomento
societacostume.png